Sulla strumentalizzazione del caso Eluana…

9 febbraio 2009, lunedì -- permalink

…lascio la parola ad Eugenio Scalfari su Libertà e giustizia.

I SigurRos e il widget

1 giugno 2008, domenica -- permalink

Trovo il widget che sta qui sia eccezionale, sia per l’oggetto in sé che per la strategia di comunicazione che ci sta dietro.



La repubblica delle banane

16 aprile 2008, mercoledì -- permalink

Ieri la mia collega canadese Véronique mi chiedeva: “Ma perché è tornato al governo Berlusconi? Non capisco. In Canada nessuno capisce perché.”.

Che dire Véronique, non capisco io che sono italiana…

14/04: ah no, forse capisco: dice che toglie le tasse.

20/04: no, però Calderoli viceministro non ce la posso fare. No, non ce la posso fare. Non ce la possiamo fare. Ditemi che non è vero. Qualcuno, per piacere, mi dica che è stata una boutade di Berlusconi. Per piacere.

13 aprile 2008

7 febbraio 2008, giovedì -- permalink

Mi sento costretta a scegliere “il meno peggio”. Solo che non lo so, chi è il meno peggio.

Insetti

3 settembre 2007, lunedì -- permalink

Cosa succede agli insetti quando piove come Dio la manda?

Como congestionata

16 marzo 2007, venerdì -- permalink

Stasera sulla strada del ritorno verso casa ho pensato: “Benedetto sia l’inventore dello scooter”.

Mappa Como Allego una mappa tentando di rendere l’idea del delirio automobilistico nel quale ho trovato la mia amata città verso le 19.20: le strade evidenziate (rozzamente) in rosso erano ricoperte da un biscione immobile ed ininterrotto di mezzi a quattro ruote. Oltre il mio tragitto ovviamente non so dire cosa ci fosse, ma posso dire che in direzione Chiasso e in direzione Tavernola non sono riuscita a vedere la fine della coda.

In sella alla motoretta me la sono cavata, tra uno slalom e un marciapiede, ma son rimasta francamente impressionata: vedo una città sull’orlo del collasso e vedo che si continua a costruire villette, palazzine, condomini, quartieri andando a rubare terra ai boschi e ai pochi angolini di prato rimasti, qui nei dintorni, e abbattendo edifici un tempo dedicati al lavoro per edificare abitazioni, in centro.

Per fare che? Per aggiungere entropia all’entropia? Mi sembra che a Como di gente ce ne sia già abbastanza, di case anche…e se non fossero care come il fuoco forse si riuscirebbe pure a non lasciarle vuote, una volta costruite.

Copyright e didattica

4 marzo 2007, domenica -- permalink

Su Apogeonline leggo oggi un interessante articolo di Elvira Berlingieri, Il diritto d’autore nella didattica online.

Si fa il punto della situazione sul seguente problema (che sussiste, è sentito, ed è ancora da risolvere chiaramente): la didattica online ha esigenza di presentare, analizzare e quindi ripubblicare in Rete materiali (testi, riproduzioni di quadri, musiche…) anche protetti da copyright per essere prima di tutto “didattica” ed in secondo luogo “online”. Non essendoci scopo commerciale in questo utilizzo è giusto pretendere il pagamento dei diritti d’autore sulle opere riutilizzate?

L’anno scorso ho partecipato all’Osservatorio AIE (Associazione Italiana Editori) sull’editoria digitale per sentire un po’ se e come gli editori stessero ragionando su un ripensamento del funzionamento tradizionale dei diritti d’autore proprio in rapporto ad un utilizzo didattico in Rete dei prodotti di cultura…ma è stato un buco nell’acqua.

L’applicazione delle licenze opencontent (*) potrebbe essere la giusta strada da percorrere da oggi in poi nel rilascio di opere dell’ingegno in una realtà che ha nuove esigenze di fruizione e distribuzione della cultura e che ha a disposizione nuovi strumenti per diffonderla, così da mettere in circolazione prodotti che nativamente concedano di essere utilizzati per scopi ed in contesti non commerciali (per fare un esempio).

Per quanto riguarda il singolo autore che crea e distribuisce la sua opera in autonomia la strada del copyleft è già aperta; non ho idea tuttavia di quanto effettivamente gli editori siano pronti a prendere in considerazione e a gestire queste possibilità (né se vogliano esserlo)…

(*) per chi vuole fare una buona lettura sul tema: Teoria e pratica del Copyleft, di Simone Aliprandi

(continua…)

Gennaio, 7

7 gennaio 2007, domenica -- permalink

A me il sette gennaio mette una malinconia…si tolgono le luminarie dai balconi, si disfa l’albero, gli amici lontani che tali ritornano dopo averci graziato della loro presenza, il trantran feriale di scuola e lavoro che riallaccia i fili interrotti in dicembre…

Il carrozzone riparte.

Un buon passaggio d’anno

1 gennaio 2007, lunedì -- permalink

Proprio bello, sulle montagne di Mezzegra, con una vista strepitosa sulla conca del Lago di Como e una compagnia molto molto piacevole.

Passato un 2006 pieno di amore, salute e serenità spero auspico di replicare nel 2007, con una sana iniezione di lavoro, lavoro, tanto lavoro. La realizzazione di quello che desidero viene tutta da lì.

Censura preventiva

11 dicembre 2006, lunedì -- permalink

Leggo su Grazia un’intervista ad un’attrice italiana sul tema: “Come ho salvato mia figlia dall’anoressia”.

Interessante sentire la testimonianza di una mamma in merito…è un problema nel quale prima o poi quasi tutte le adolescenti scivolano, chi più, chi meno.
Ve la faccio breve: la bimba si sta prosciugando e la mamma scopre che la sera passa le ore sui forum pro-anoressia. Come avrà fatto la mamma a salvare la bimba? Ha fatto sparire qualsiasi computer ci fosse in casa.

Come se la colpa fosse del mezzo e non dell’uso che se ne fa: su siti del genere raramente “ci capiti”, ci vai.

Ciclicamente partono questi allarmi sulla Rete che trascina gli uomini nel gorgo degli incontri occasionali, butta i bambini in bocca al lupo pedofilo, spinge le ragazzine incontro alla morte, fomenta il terrorismo… E per difendersi una mamma butta via il computer. Solo che tutto quello che trovi nella Rete c’è perché ci siamo noi e il mondo che abbiamo fatto, e il mondo non lo puoi buttare via, devi imparare a viverci.

Per questo bisogna educare invece che censurare.