Lavorare sull’Internet

1 maggio 2007, martedì -- permalink

La benedizione del lavoro sull’Internet è che puoi lavorare dovunque tu ti trovi, in qualsiasi momento della tua vita: basta avere sottomano il tuo portatile (o uno stramaledetto computer qualsiasi) e una connessione.

La maledizione del lavoro sull’Internet è che puoi lavorare dovunque tu ti trovi, in qualsiasi momento della tua vita.

Così può succedere che in un lunedì notte che dovrebbe essere di ponte tu sia connessa dal tuo studiolo ad editare contenuti on-line, a riorganizzare le sezioni di archivio di un sito, a cambiare la DTD di una pagina web, a rivedere fogli stile…ad evadere le letture accantonate durante il giorno, a fare giri di test dopo il rilascio dei nuovi sviluppi.

Insomma, ho voluto la bicicletta, e adesso pedalo.

E pensare che mia mamma ha tanto insistito perché facessi la professoressa…

3 Commenti a “Lavorare sull’Internet”

  1. Ale scrive:

    C’è da dire anche che se avessi fatto la professoressa sarebbe stato più facile spiegare che fai nella vita alla mamma, alla nonna, ecc…

    D’altra parte hai (abbiamo) bassissimi rischi di infortuni sul lavoro… anche se cervicale e tunnel carpale sono sempre dietro l’angolo.

    Buon primo maggio!

  2. FabioB scrive:

    occhio Raffi, trattasi di vizio da cui poi è dura liberarsi, ricordati di Stakhanov ;-)

  3. raffaella scrive:

    Citando uno dei miei film preferiti “Hai ragione, hai ragione, lo so che hai ragione…”

    Pensa che in Giappone hanno inventato addirittura una parola per indicare la “morte da superlavoro

Scrivi un commento