La top ten degli errori nella scelta di un CMS

27 dicembre 2006, mercoledì -- permalink

Step Two, a fronte di una esperienza decennale nel mercato dei Content Management Systems ci regala la Top 10 mistakes when selecting a CMS.

Penso di poter riassumere così la natura degli errori che di frequente vengono fatti nella scelta e (spesso) nell’acquisto di un CMS:

  1. errori nel raccogliere la documentazione dei requirements, che serve per strutturare e portare avanti il progetto di gestione dei contenuti. Spesso questo tipo di errore dipende dalla mancanza di chiarezza nella definizione dello scopo del progetto e del problema che deve risolvere.
  2. Scendere nei particolari del progetto e del software perdendo la visione dall’alto degli obiettivi del progetto.
  3. Scegliere un CMS senza conoscere le possibilità offerte dal mercato di riferimento.
  4. Pensare che un prodotto sia migliore quanto più si spende e quante più funzionalità vengono messe a disposizione.
  5. Dimenticarsi una parte degli attori nel progetto: il CMS deve incontrare le capacità degli autori che col CMS andranno a lavorare, le esigenze degli amministratori dei siti che via CMS verranno strutturati, le richieste generali dell’organizzazione. La stesura dei requirements in particolare non deve essere lasciata in mano esclusivamente ai tecnici.

Alcuni consigli per partire “col piede giusto”.

Capire, prima di avviare il processo di scelta del CMS, quali sono i bisogni dell’organizzazione cui il futuro sito o i futuri siti vengono incontro: capire prima il sito, poi il CMS.

Tenere separato il processo di redesign della struttura del sito dal processo di selezione del CMS e, più in generale, distinguere tra il progetto generale del sito ed il CMS: se al sio serve avere delle mailing list, un forum e delle funzioni di ricerca può essere una scelta più proficua scegliere dei software dedicati per ciascuna di queste funzioni da affinacare al CMS, anziché scegliere un CMS che incorpora queste funzioni.

Analizzare a fondo il mercato locale dei CMS: le possibilità di trovare la soluzione appropriata sono direttamente proporzionali alla quantità di CMS analizzati.

Keep it simple, keep it small. Tenere basse le spese e basarsi sul prodotto, tra quelli che incontrano i bisogni individuati, più semplice da usare torna utile per abbattere i rischi di sopravvivenza del progetto e per massimizzare le possibilità che il prodotto venga effettivamente utilizzato.

Focalizzare la stesura dei requirements sulle caratteristiche imprescindibili che il prodotto deve avere, distinguendole dalle caratteristiche che “sarebbe bello avere”: questo serve a rendere il processo di selezione del CMS più facile, veloce e chiaro. E’ molto importante inoltre capire chi saranno gli autori del sito, come sarà organizzato il loro lavoro e quale sarà il processo di pubblicazione dei contenuti.

Scrivi un commento