Scenari di disorganizzazione elettronica

6 novembre 2006, lunedì -- permalink

“Te lo spedirei per mail quel documento, ma ce l’ho sul computer dell’ufficio, per cui te lo mando lunedì, intanto buon fine settimana”.

“Spetta che non ricordo dove l’ho letto…guardo su Google…era questo? Boh… Vabè dai, quando ritrovo il riferimento ti telefono”.

“Dai allora, cacciate fuori la versione definitiva della relazione e andiamo in riunione.” “Un momento…perché la mia ‘relazione definitiva’ è diversa dalla tua ‘relazione difinitiva’?”.

Magari esagero, però non più di tanto, stando alla mia piccola esperienza personale e ai numeri qui sotto:

  • secondo una ricerca IDC gli impiegati spendono dal 15% al 30% del loro tempo cercando informazioni di cui hanno bisogno;
  • un’indagine di Delphi Group rivela che il 31% degli intervistati spende tra il 10% e il 15% del suo tempo ogni settimana cercando risposte o dati in forma elettronica;
  • solo il 50% delle volte gli impiegati riescono a trovare le informazioni che servono;
  • il 90% dell’informazione delle aziende risiede nei documenti;
  • i documenti sono replicati anche 11 volte;
  • l’80% dei documenti di un’azienda risiede sui desktop dei computer dei dipendenti;
  • quando un dipendente lascia l’azienda se ne va con lui il 70% della conoscenza da lui acquisita per l’azienda.

Fonti: su http://www.edocmagazine.com: Records Management Goes Big Time, Build It So They Can Find It, Taking the Search Challenge, che rimanda a Delphi Group).

Scrivi un commento