Fur: An Imaginary Portrait of Diane Arbus

27 ottobre 2006, venerdì -- permalink

Fur è un film sulla pelliccia, ovviamente, animale e umana (meno ovviamente), e sul vedere e l’essere visti, attraverso la storia della fotografa Diane Arbus (pieni anni ‘60): Diane ha forti tratti di esibizionismo e una forte spinta a voler vedere quello che normalmente non capita di vedere (le deformità, le perversioni) o non è opportuno vedere (i morti, i nudi).

Il suo voler vedere e farsi vedere è assecondato e incoraggiato dal nuovo vicino di casa, Lionel, che soffre di ipertricosi ed è completamente ricoperto di pelo, e la porta a contatto col mondo nascosto dei freaks, degli “strani” (e di lui un po’ ovviamente s’innamora, ricambiata), e che alla fine mostra a Diane quello che non si poteva vedere, ovvero il proprio corpo privo della pelliccia.

In diretta opposizione a questo ci sono il marito e il mondo perbenista dei suoi genitori che non vogliono vedere (nel senso di capire e accettare) la natura strana a sua volta di Diane, che trova modo di inverarsi solo al di fuori del nucleo familiare. In questo senso è plateale la trasformazione dell’aspetto di Diane: in una delle prime immagini la si vede sotto il casco ad asciugarsi i capelli, perfettamente pettinati, su un abito perfettamente castigato e la si segue nel film spogliarsi, dell’abbigliamento e del proprio ruolo nella società, fino alla nudità della scena finale.

Insomma, è il guardare il vero protagonista, anche per lo spettatore: io ne sono uscita in un certo senso offesa alla vista, si vede appunto ciò che normalmente non si vede, pensavo di essere abituata a tutto, tra film e telegiornali…e invece queste sono state immagini che mi si sono conficcate negli occhi.

In questo aiutano anche le inquadrature strettissime sui volti dei personaggi, fatte per lo più dall’interno di oggetti (lo spioncino della porta, le griglie d’areazione), che ci mettono dalla parte di chi guarda senza essere visto, e la musica, che sottolinea perfettamente i movimenti e le intenzioni.

Scrivi un commento