Cipiglio

18 ottobre 2006, mercoledì -- permalink

Camminando da Cadorna alla Statale si incontrano figure “tipiche” della strada: i distributori di riviste free-press, i ragazzi che vendono Terre di Mezzo, o Scarp de tennis, o Altreconomia, qualche mendicante, zingari talvolta, all’entrata in Statale ragazzi che distribuiscono volantini, ragazzi che tentano di farti iscrivere a corsi di mnemotecnica o di coinvolgerti nel mondo dei giovani marxisti leninisti dell’università (o quanto meno di farti abbonare alla loro rivista).

La parte più consistente di questo variegato panorama ha come caratteristica sostanziale l’insistenza.

Ecco, dev’essere che ultimamente mentre mi porto in Statale indosso un’espressione particolarmente accigliata, perché non mi ferma più nessuno…

Scrivi un commento