E-mail

4 ottobre 2006, mercoledì -- permalink

Perché se hai un indirizzo email e lo comunichi ai tuoi simili come uno dei tuoi recapiti poi leggi la posta sì e no una volta alla settimana?

Perché se ti chiedo di comunicare via mail sulla definizione delle questioni di lavoro mi telefoni o vuoi a tutti i costi parlare? Ok, ci troviamo e parliamo, come preferisci, ma poi lo sai che ti chiedo un report per mail di quello che ci siamo detti – verba volant, e poi succede che ci si ritrovi a questionare su quali erano gli accordi presi e i tempi relativi. E allora perché non ci risparmiamo un po’ di nervoso e un po’ di tempo passato a tirare la corda?
E, soprattutto, perché se ti scrivo per avere delle risposte anche una volta che hai letto la mia mail devo inseguirti fisicamente per averla, la risposta che ti ho chiesto? Se non trovi il tempo di elaborare un riscontro sensato alle mie parole dimmelo, ma quanto meno fammi capire che la comunicazione ti è arrivata.

Scrivi un commento