Linearemente 1.1

1 ottobre 2006, domenica -- permalink

Screenshot delle pagine interne di Linearemente 1.1Si passa su Wordpress. La decisione più importante è stata quella di spostare i contenuti nella prima colonna, fluida., in modo da fornire anche ai browser testuali i contenuti prima della navigazione (e poi perché fino ad allora non avevo mai messo la navigazione sulla destra :-) Tuttavia: quanto CSS in più per tenere insieme la mia scelta senza ricorrere alle tabelle. Dispendioso, assolutamente prolisso.

Senza contare che il layout nuovo non era cross-browser (anche se Internet Explorer 7 lo leggeva bene).

E così si parte con un nuovo tentativo, di cui parlerò più diffusamente.

5 Commenti a “Linearemente 1.1”

  1. Claudia scrive:

    Mi pare di capire che sei passata da Nucleus a WordPress… un passaggio che piacerebbe fare anche a me, prima o poi (più poi che prima visto il periodo).
    E’ una cosa complessa? Tieni conto che io sono una prof d’inglese che mastica di html e css, ha un proprio blog con nucleus, mantiene quello della vecchia scuola con WordPress ma è molto autodidatta e anche un po’ pigra…

  2. raffaella scrive:

    Ciao Claudia,
    in realtà Linearemente era un sito statico (con un po’ di PHP qua e là): non ho importato i miei dati da Nucleus a Wordpress (se è questo che intendi quando dici “sei passata da… a…), ma ho installato Wordpress e ho inziato a popolarlo da zero.

    In Rete sono disponibili parecchie informazioni per passare da Nucleus a WordPress (http://codex.wordpress.org/Importing_Content) e da WordPress a Nucleus (http://www.nucleuscms.org/convert.php), ma sono istruzioni che non ho provato sulla mia pelle :-)

    Sono molto affezionata a Nucleus, perché è stato “il mio primo CMS” e soprattutto perché ha una comunità di supporto assolutamente eccezionale; qui ho usato WordPress per spirito d’apprendimento, diciamo così.

  3. Claudia scrive:

    Grazie! Allora prima o poi ci guardo. WordPress mi piace di più di Nucleus per quello che riguarda la gestione del css. Adesso però ho il compito di imparare ad usare Drupal (tant per cambià, l’è mai finida, per dirla in inglese) perché devo reimpostare il sito del Seti. Sono un po’ contenta e un po’ spaventata…

  4. raffaella scrive:

    In che senso “la gestione del css”? Linkano entrambi ad un file css per lo stile…intendi la gestione dei templates? Effettivamente su WordPress è più intuitiva.

    Consentimi una domanda e una segnalazione:
    -> domanda: come mai Drupal??
    -> segnalazione: http://www.e-scuola.net/, un ambiente on-line per la presentazione di progetti e moduli didattici sul Web

  5. Claudia scrive:

    Scusa il ritardo ma ieri è stato un delirio. Con WordPress è sufficiente modificare un solo css per la gestione della grafica, con Nucleus è un pochino più macchinoso. Il template che ho usato per il blog dell’Istituto Pessina poi ha solo un file (index) che gestisce quasi tutto (tranne i commenti). Inoltre WP consente di assegnare a più di una categoria un post, e anche questo lo trovo interessante.
    Drupal perché è una piattaforma open source molto potente con cui, attraverso l’aiuto di qualche componente del gruppo sull’accessibilità dei siti scolastici (www.porteapertesulweb.it),è possibile generare siti davvero accessibili. Io non me ne intendo davvero(intendo di CMS) ma ci sono parecchie polemiche sugli altri prodotti che si spacciano per accessibility compliant.

Scrivi un commento