Viva viva Rai Tre!

30 agosto 2006, mercoledì -- permalink

Ieri sera mi sono goduta una micro-maratona cinematografica su Rai Tre, possibilità raramente concessa (è anche vero che se dovessero stare dietro al mio desiderio di fruizione “filmica” ci sarebbe la moria del telespettatore tipo…).

Dramma della gelosia – Tutti i particolari in cronaca, di Ettore Scola (1970, con dei giovanissimi Marcello Mastroianni, Giancarlo Giannini e Monica Vitti). La vicenda è lineare: Adelaide (Monica Vitti) s’innamora di Oreste, che per lei lascia la moglie; durante una manifestazione Oreste stringe amicizia col pizzaiolo Nello, e lo presenta ad Adelaide. Ne nasce un’amicizia a tre durante la quale Nello si innamora di Adelaide, ricambiato. E’ da questo triangolo che nasce la tragedia della gelosia, in cui alla fine del film Oreste invece di ammazzare Nello finisce per accoltellare Adelaide che si mette tra i due per separarli nella lotta.
Quello che mi è piaciuto moltissimo è stato lo stile della narrazione, a tratti surreale come non te lo immagini. La narrazione degli eventi segue la testimonianza che i personaggi rendono durante il processo a loro carico, successivo ovviamente al fattaccio, e a tratti, durante la rappresentazione delle vicende, i personaggi parlano al pubblico davanti allo schermo riportando le parole della loro testimonianza. Ci sono anche delle scene che tornano identiche, come la scena dell’ambulanza, che porta in ospedale una volta Adelaide, una volta Nello, una volta ancora Adelaide (l’ultima volta…morta).

Ci sono anche dei passaggi comici, ma comici da “risata fragorosa”…insomma, se vuoi mi è piaciuto proprio perché è un film che non ti aspetti.

Locandina del film 21 grammi In tarda serata (23.30) invece mi sono rivista 21 grammi, un film crudo e spiazzante , nell’iniziale narrazione frammentata, relegato in orario da far alzare il lavoratore la mattina dopo con le occhiaie. Il privilegio di vedersi un film senza interruzioni pubblicitarie (!) per quei pochi (credo, pochi, ma magari mi sbaglio) che davvero lo vogliono vedere.

Un peccato…

Scrivi un commento